Furto in casa SENZA SCASSO: l’assicurazione paga o non paga?

furto senza scasso assicurazioneTi è mai capitato di aprire la tua porta di ingresso e trovarti la casa svaligiata dai ladri scervellandoti per trovare il punto da cui sono entrati senza trovarlo?

Se non ti è mai capitato, bene, sono contento per te.

Se invece ti è capitato probabilmente hai iniziato a girare per casa controllando tutte le porte e le finestre e dopo aver visto che erano tutte intatte e chiuse come le hai lasciate, sarai giunto alla conclusione che i ladri sono entrati con delle chiavi vere o con un duplicato per poi uscire dalla porta d’ingresso e magari chiuderla anche a chiave, proprio come avresti fatto tu.

Forse hai anche pensato che se assicuravi casa contro i furti non ci avresti rimesso così tanto e coi soldi dell’assicurazione avresti potuto ricomprare tutte le cose rubate…

Ma l’assicurazione sulla casa ti avrebbe rimborsato anche se i ladri non hanno lasciato nessun segno di scasso?

In Italia i furti in casa sono molto frequenti e in continuo aumento, le nostre case sono sempre più a rischio, pensa che a Milano viene svaligiata una casa ogni 2 minuti!

I dati dicono che il 20% delle abitazioni della città hanno subito un furto mentre il 10% ne hanno subiti almeno 2.

I  ladri colpiscono tutti i giorni a tutte le ore anche se la maggior parte dei furti avviene il venerdì e il sabato dalle 8 alle 10 di mattina o nel tardo pomeriggio dalle 17 alle 20.

La maggior parte delle volte non si tratta di ladri improvvisati ma di veri e propri esperti che pianificano i furti per filo e per segno.

Prima di entrare in una casa i ladri hanno già raccolto una serie di informazioni:

  • chi sono i proprietari
  • quanto vale la loro casa
  • se il quartiere è ricco
  • chi sono i vicini
  • che tipo di serratura ha la porta di ingresso
  • se ci sono cani da guardia, telecamere o allarmi
  • e molto altro ancora…

In 4 minuti una squadra di esperti è in grado di svaligiarti tutta casa, mentre le forze dell’ordine ci mettono una media di 8 minuti dalla chiamata per arrivare sul posto.

CI METTONO IL DOPPIO!!

Senza considerare che la chiamata gli arriva quasi sempre dopo che i ladri hanno aperto la porta o comunque dopo che l’allarme inizia a suonare.

Grazie alla loro velocità e alla scarsa efficenza delle forze dell’ordine, i ladri non vengono certo scoraggiati dagli impianti d’allarme o dalle porte blindate, anzi, ne vengono attratti.

Perché se ci pensi, nessuno fa installare un impianto di allarme se dentro casa non ha cose di valore e questo i ladri più esperti lo sanno bene.

I furti si concentrano in una zona della città alla volta. Nel giro di un mese viene svaligiato un intero quartiere.

Hai presente quando inizia a girare il virus dell’influenza e nel giro di qualche settimana si ammalano tutti?

Ecco, lo stesso avviene coi furti in casa.

Dopo che un’abitazione è stata svaligiata, aumenta di molto il rischio che vengano svaligiate le abitazioni confinanti e quelle che si trovano in un raggio di 100 metri.

Oggi i ladri per entrare nelle case usano molto meno il metodo dello scasso o dell’apertura forzata di porte e finestre.

Sono finiti i tempi dello scasso con il piede di porco o con attrezzi che “lasciano il segno”.

Questo perché i ladri NON vanno a rubare nelle case popolari o nei quartieri poveri dove ci sono ancora porte e finestre vecchie che si possono forzare con il piede di porco o arnesi simili.

I ladri di oggi utilizzano tecniche al passo coi tempi. Ogni volta che viene inventata una serratura di ultima tecnologia, puoi star certo che c’è qualcuno che sta studiando un modo per aprirla.

Esistono addirittura dei veri e propri club di appassionati dell’arte del “Lockpicking”, che sta a significare l’arte di aprire le serrature senza la loro chiave, infatti si dice che:

Non esistono serrature che non si possono aprire, ma soltanto persone che non sono in grado di aprirle senza possederne la chiave

Un ladro professionista è in grado di aprire la maggior parte delle serrature più diffuse nella tua città in 15-20 secondi, lo stesso tempo che ci metteresti ad aprire la tua porta di ingresso normalmente.

I metodi che vengono utilizzati più spesso dai ladri per aprire le porte delle nostre case rapidamente e senza lasciare segni di scasso sono:

  1. il grimaldello bulgaro
  2. il lockpicking
  3. il key bumping

Grimaldello bulgaro (o chiave bulgara)

Questo attrezzo può essere utilizzato SOLO con le serrature a doppia mappa (quelle che si aprono con le chiavi che puoi vedere nella foto qui a fianco).furto doppia mappa assicurazione

In Italia le serrature a doppia mappa sono le più diffuse, anche se queste sono serrature di vecchia tecnologia che nessun altro utilizza in Europa.

Queste serrature venivano montate anche su moltissime porte blindate.

Se la tua porta blindata è dotata di una sola serratura e questa è a doppia mappa, sappi che per i  ladri (anche per quelli poco esperti) è la serratura più semplice da aprire, quindi è molto più probabile che ti entrino in casa.

Il mio consiglio, se hai una serratura a doppia mappa, è quello di farla sostituire con una serratura a cilindro europeo certificato secondo la norma UNI EN 1303:05.

È un’operazione semplice che ultimamente viene pubblicizzata dalla maggior parte dei fabbri e delle ferramenta.

Lockpicking

assicurazione furto casa senza scassoIl lockpicking è la madre di tutte le manipolazioni ed è una tecnica che  viene utilizzata per aprire le serrature europee a cilindro.

Solitamente si procede con 2 particolari grimaldelli scelti in base al tipo di serratura a cilindro o tramite i velocissimi grimaldelli a pistola (Pick Gun) molto semplici da utilizzare.

Il lockpicking è una tecnica che non lascia tracce evidenti, più è abile il ladro meno tracce rimarranno all’interno della serratura manipolata.

Key bumping (o key bump)

furto keybumping assicurazioneAnche questo metodo viene utilizzato per aprire le serrature a cilindro con una chiave che viene sagomata a seconda del tipo di serratura da manipolare.

Questa chiave viene detta “ad urto” perché dopo averla inserita nella serratura viene colpita con un martello o altro oggetto facendo scattare la serratura stessa con la forza dell’urto.

Come il lockpicking anche questo metodo non lascia segni evidenti.

Queste tecniche di manipolazione delle serrature vengono utilizzate dai delinquenti per entrare nelle case a rubare, ma anche da persone oneste.

Proprio così! Perché sono le stesse tecniche che utilizzano i fabbri e i serraturieri per aprire la tua porta blindata se dovessi rimanere chiuso dentro casa per un difetto o guasto della serratura.

Uno scassinatore professionista non è nient’altro che un ottimo fabbro che sa aprire le serrature più diffuse sul mercato senza usare la chiave

Siccome questi attrezzi servono anche “a scopo benefico” e sono a tutti gli effetti attrezzi da lavoro per fabbri, vengono venduti tranquillamente al pubblico.

Ti garantisco che non serve presentare nessuna documentazione per acquistare questi arnesi, perché sono comodamente acquistabili via internet!

Io stesso non credevo che fosse così facile, ma dopo aver fatto una ricerca ho trovato dei siti esteri fornitissimi di qualsiasi grimaldello o attrezzo per l’hobby del lockpicking.

Ho visto siti internet con un catalogo prodotti da almeno 300 articoli!

Non metto i link qui sul blog perché non è mio interesse diffondere questo tipo di informazioni che potrebbero anche finire nelle mani sbagliate, ma sono rimasto veramente impressionato.

Qualche sito vendeva addirittura delle guide con immagini e dei kit per esercitarsi comodamente da casa e quasi tutti garantivano la consegna della merce in giornata!

Nessuna documentazione richiesta! Non serve essere un fabbro o un serraturiere, l’importante è pagare in anticipo.

Pagamento con bonifico o carta di credito, basta avere una carta prepagata o una Poste Pay e il gioco è fatto.

Ti mostro una foto dello schermo per rendere l’idea:

assicurazione furto casa cosa copre

In compenso sono stati inventati dei cilindri antibumping.

Questi cilindri sono blindati e resistono anche alla foratura dei migliori trapani, costano di più ma senza dubbio è un investimento sulla sicurezza che vale la pena fare.

Più spendi per il cilindro e più sarà sicuro, questo si traduce in meno tentativi di furto e meno probabilità di forzatura o manipolazione da parte dei ladri.

Ma come puoi fare a non rimetterci niente se i ladri dovessero entrarti in casa?

Perché si parla sempre di porte blindate, vetri antisfondamento, allarmi di ultima tecnologia, telecamere ecc. ecc.

Ma non esiste un sistema di protezione contro i ladri più esperti della tua città.

Insomma non esiste una casa sicura al 100% e probabilmente non esisterà mai, perché i ladri sono sempre al passo con le ultime tecnologie.

L’unico metodo per non rimetterci denaro e per poter riacquistare le cose che ti sono state rubate dai ladri senza tirar fuori un soldo è quello di assicurare la tua casa contro i furti.

L’assicurazione contro i furti in casa non impedirà mai che i ladri entrino nella tua abitazione, ma è una misura di prevenzione che NON può essere né forzata, né disinnescata

Questo significa che se hai assicurato casa contro i furti e ti sei rivolto ad uno specialista dell’assicurazione casa (se no sono io il primo a dirti che è meglio lasciar perdere), ti verrà rimborsato l’intero ammontare delle cose che ti sono state rubate senza se e senza ma.

Ti basterà fare una denuncia alle forze dell’ordine (Polizia o Carabinieri) portando con te un elenco delle cose che ti sono state rubate, in modo da far inserire nella denuncia tutto quanto senza dimenticarti nulla.

Poi consegnerai la denuncia al tuo assicuratore che manderà a casa tua un perito che collabora con la compagnia di assicurazioni.

Il perito verificherà da dove e in che modo sono entrati i ladri e ti chiederà di mostrargli ricevute o fatture delle cose rubate, o comunque di dimostrarne il possesso prima del furto mostrandogli delle foto che le raffigurano.

E se i ladri non hanno lasciato segni di rottura o scasso alla porta di ingresso e alle finestre perché hanno usato il metodo del lockpicking o del key bumping?

Il perito troverà un’abitazione intatta come se non fosse successo nulla.

Allora come farai a rimpiazzare le cose rubate facendoti rimborsare dalla compagnia di assicurazione?

Ecco  alcune cose che è molto meglio sapere.

COSA COPRE L’ASSICURAZIONE FURTO SULLA CASA

Probabilmente anche tu hai sentito parlare di furti, perché sono entrati in casa di un tuo parente, conoscente o vicino, o addirittura sono entrati in casa tua e hai subito il furto in prima persona.

Se ti è capitato e non eri assicurato magari ti sei mangiato le mani pensando:

“Se assicuravo casa contro i furti a quest’ora non sarei qua a disperarmi e non ci avrei rimesso tutti questi soldi…”

Se invece avevi assicurato casa e i ladri sono stati talmente bravi che non hanno lasciato tracce del furto, probabilmente hai avuto problemi con il risarcimento dell’assicurazione.

Infatti sul web e anche tra assicuratori girano voci che in mancanza di evidenti segni di scasso l’assicurazione non ti rimborsa le cose rubate perché il furto non è dimostrabile.

Quindi (secondo queste voci) anche se avevi pensato di assicurare casa contro i furti, la tua assicurazione non avrebbe mai pagato perché i ladri non hanno lasciato nessun segno di scasso…

Ma queste voci che circolano sono vere?

Beh una cosa è certa, senza evidenti segni di scasso è complicato ottenere il rimborso totale delle cose rubate, perché la compagnia di assicurazioni (e anche il perito) potrebbe pensare che avevi lasciato la porta o qualche finestra aperta.

Ma le condizioni di assicurazione di tutte le polizze furto sulla casa dicono che:

La compagnia di assicurazioni si obbliga a rimborsare i danni alle cose assicurate causati da furto, a condizione che i ladri si siano introdotti nell’abitazione:

  • violandone le difese esterne mediante rottura, scasso, uso fraudolento di chiavi, uso di grimaldelli o di arnesi simili 

Le condizioni di assicurazione sono quelle che fanno fede “in caso di sinistro”, cioè quelle che la compagnia di assicurazioni si obbliga a rispettare quando subisci un furto.

Quando acquisti l’assicurazione ti fanno firmare mille fogli e tra quelle mille firme ce n’é una con cui accetti tutto quello che è scritto all’interno delle CdA (condizioni di assicurazione).

Ma allora perché circolano queste voci?

Il motivo è che, se non riesci a dimostrare alla compagnia che i ladri sono entrati in casa tua utilizzando una delle tecniche che ti dicevo, è molto dura ottenere il risarcimento che ti spetta.

La maggior parte delle volte la compagnia non ti rimborserà le cose rubate perché penserà che hai simulato il furto con lo scopo di fargli cacciar fuori un po’ di soldi.

Se ad esempio le tue telecamere hanno filmato il ladro mentre apriva la tua porta di ingresso con il metodo del key bumping, allora sei a posto.

Con un filmato del genere, ti garantisco che non avrai nessun problema ad ottenere il risarcimento di tutte le cose che ti sono state rubate e pure i soldi per sostituire la serratura della tua porta di ingresso con una più sicura.

Pensa che alcune polizze furto ti rimborsano anche se i ladri ti entrano in casa utilizzando le tue chiavi, quando queste ti sono state rubate o le hai consegnate tu stesso al malfattore dopo esser stato minacciato.

Questa copertura varrà solo dal momento in cui denunci il furto della chiave alle autorità, se il furto avviene prima della denuncia non avrai diritto al rimborso.

Lo stesso vale se hai semplicemente smarrito le chiavi e il ladro dopo averle trovate decide di far visita a casa tua. Anche in questo caso non verrai rimborsato.

Ma non devi preoccuparti, perché avere il filmato del ladro che manipola la tua serratura con grimaldelli o attrezzi simili, non è il solo metodo per dimostrare di aver subito un furto senza scasso.

COME DIMOSTRARE UN FURTO IN CASA SENZA SCASSO

Il compito di dimostrare di aver subito un furto spetta a te assicurato e lo potrai dimostrare con la denuncia dell’accaduto e con i segni dei furti lasciati dai ladri.

Se invece i ladri non hanno lasciato segni o tracce, ci sono comunque altri modi con cui provare il furto subito:

  • l’allarme che inizia a suonare una volta che i ladri hanno aperto la tua porta d’ingresso e attira l’attenzione dei condòmini
  • una testimonianza dei vicini che hanno visto o sentito rumori strani ma non sono intervenuti per paura
  • una chiamata di questi alla polizia o ai carabinieri per segnalare il furto
  • le telecamere condominiali che riprendono i ladri mentre scappano dalle scale di emergenza

Sono tutte prove molto utili e di fondamentale importanza quando si deve dimostrare un furto senza scasso.

Altro fattore di fondamentale importanza è la professionalità dell’assicuratore che riuscirà presto a capire che sei in buona fede e saprà come aiutarti e farti riconoscere dalla compagnia l’importo che ti spetta.

Ma quello che conta più di tutto è la relazione del perito, la cosiddetta perizia di furto.

Come ti dicevo, dopo che hai fatto la denuncia di furto alle autorità e l’hai consegnata al tuo assicuratore, questo aprirà la pratica di sinistro e provvederà ad incaricare un perito che collabora con l’assicurazione per visionare la tua casa e verificare l’accaduto.

Quando il perito non trova tracce di scasso, può farsi autorizzare dalla compagnia al “prelievo della serratura” per poi inviarla ad un laboratorio prove certificato.

Questo significa che, se sei d’accordo, la tua serratura verrà smontata da un fabbro scelto da te, dopodiché il perito inserirà la tua serratura in un plico assieme al verbale del “prelievo” che verrà firmato da tutti i presenti.

Dopo averlo sigillato accuratamente, il plico verrà inviato ad un laboratorio prove certificato per eseguire una relazione tecnica che avrà valore legale.

Può accadere che il perito non ritenga necessario far ispezionare la serratura da un laboratorio prove perché pensa che si tratti di una frode (quindi pensa che tu menti e che il furto non è mai avvenuto).

Oppure può accadere che non venga autorizzato dalla compagnia di assicurazioni dato che questa relazione ha dei costi notevoli ed è a totale carico della compagnia.

In questo caso l’assicurazione, non avendo le prove si baserà unicamente sulla perizia e deciderà di non rimborsarti o di farti una piccola offerta che probabilmente non ti soddisferà.

In questo caso avrai 2 soluzioni:

  1. accettare il mancato pagamento o l’offerta
  2. pagare un ulteriore perito di tasca tua

Per il primo caso c’è poco da dire… accetti e finisce lì.

Nel secondo caso, puoi chiedere ad un altro perito di inviare la tua serratura ad un laboratorio prove certificato.

Se la relazione tecnica dice che la serratura è stata aperta con il metodo del lockpicking o del key bumping, la compagnia dovrà per forza di cose rimborsarti quanto ti spetta o perlomeno rivedere l’offerta al rialzo.

In casi come questo devi sapere che:

Se hai acquistato un’assicurazione di tutela legale che include anche le spese peritali in caso di disaccordo con le compagnie di assicurazioni, eviterai di pagare il secondo perito di tasca tua!

Come puoi vedere, tutto può essere risolto al meglio, l’importante è non fare i furbi ed essere in buona fede, ma la cosa più importante di tutte è quella di rivolgersi alle persone giuste.

Ti dico questo perché un professionista specializzato nell’assicurazione casa, questi casi li tratta regolarmente e sa perfettamente come muoversi per servirti al meglio e farti ottenere il risarcimento che ti spetta.

Il perito (il primo) viene incaricato dall’assicuratore, ma in alcuni casi la compagnia potrebbe decidere di cambiarlo e incaricarne un altro e l’assicuratore non può farci nulla.

La cosa che può fare però, nel caso in cui la compagnia decida di non rimborsarti o di rimborsarti solo in parte, è quella di contattare il perito che fa al caso tuo per la seconda perizia e di assisterti in tutte le fasi che ti porteranno ad ottenere il giusto risarcimento.

Quindi se senti girare voci del tipo “se non c’è scasso l’assicurazione non paga”, sappi che la maggior parte delle volte non paga per la scarsa professionalità di assicuratori e periti che non conoscono la soluzione per definire il furto con successo.

Se hai subito un furto e ti sei trovato in una situazione simile, se sei stanco di pagare assicurazioni a vuoto e di essere preso in giro da assicuratori e periti che non sanno come gestire un furto che non sia il semplice furtarello con scasso, CLICCA QUI e richiedi subito la mia consulenza.

L’unica che ti fornisce un’analisi specialistica e totalmente confidenziale sulla protezione della tua casa.

Per richiedere la mia consulenza, inserisci i tuoi dati in fondo a questa pagina e verrai contattato al più presto, oppure scrivimi una mail a:

assicurazione casa

Un caro saluto

Riccardo Fiorentini

P.S. : se hai qualche domanda da farmi, chiedi pure lasciando un commento qua sotto e riceverai una risposta in tempi brevi

2 Commenti

  1. Franca Verzelleri

SCRIVI QUI I TUOI COMMENTI

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy